ELBANO/AIΘΑΛΙΔΗΣ

FACCE DI ETNONIMI DA SPIAGGIA Tra gli iapigi ora il tempo passava meglio. Un grande maestro s’era installato tra loro. Si dice che avesse una protesi alla gamba destra tutta dorata, per questa tecnologia tra gli iapigi i più semplici dicevano che fosse un discendente del primo re scandinavo, quello al quale una volta mortoContinua a leggere “ELBANO/AIΘΑΛΙΔΗΣ”

OUADJ-OUR

Se Ouadj-our significasse “terra coperta dall’acqua” potrei avere sistemato l’annosa questioneL’ACQUA E LA MEMORIA DEGLI EGIZIANI premessa 1) Crizia, racconto di Solone in erasmus in Egittopremessa 2) Maspero ha rovinato il lavoro di Rougépremessa 3) h2opremessa 4) Erodoto dice che gli egizi non hanno “Nettuno”premessa 5) Plutarco dice che gli egizi odiano il marepremessa 1b)Continua a leggere “OUADJ-OUR”

Il dramma cappottato

Se non ci si ingannasse da soli, non si potrebbe vivere sulla Terra. La frase s’affaccia tra parentesi buttata in mezzo a un dialogo surreale tra la smorfia del ritratto di nonno Andrey che sembra mormorare “Brancoli nel buio” al vecchio Anton, a questo rimbrotto paternalistico neurolinguisticamente indotto dalla presa di coscienza di non saperContinua a leggere “Il dramma cappottato”

Non andando ad Ānanda

Contrariamente al nostro greco alpha privativo la Ā di Ānanda indica una località, nel caso specifico il luogo dove si trovano la serenità, la pace dei sensi, la beatitudine. Tradurre il concetto in termini coerenti risulta difficile se non al prezzo di spiegare passo passo il nostro ragionamento e corredare i singoli termini iconici diContinua a leggere “Non andando ad Ānanda”

SCONTATEZZA, 2

ALL’AMERICANA Negli ultimi 30 anni, la scienza ha dimostrato che i processi cognitivi automatici modellano il comportamento, le convinzioni e gli atteggiamenti umani. Il pregiudizio implicito o inconscio deriva dalla nostra capacità di trovare rapidamente schemi in piccoli frammenti di informazioni. Alcuni di questi modelli emergono da atteggiamenti e stereotipi positivi o negativi che sviluppiamoContinua a leggere “SCONTATEZZA, 2”

NON DIAMO NULLA PER SCONTATO

Die Theorie steckt meist schon in den Kategorien, mit denen wir das Wahrgenommene beschreiben – mit denen wir es nicht erst beschreiben, sondern zuvor schon aufgefasst haben.  (Wolfgang Blankenburg 1971, 10) La teoria di solito è già nelle categorie con cui descriviamo ciò che percepiamo – con le quali non lo descriviamo prima, ma loContinua a leggere “NON DIAMO NULLA PER SCONTATO”