TRACCE

Tra l’indice e il pollice sta la penna tozza,
Come un coltello sicura.
Non s’ode più dal palazzo stridere
Il ferro di mio padre
Che faceva nel muro una traccia
E i calcinacci cadere.

Tace la pietra e immobile la polvere
Che siamo, affannati respiri
Di un vento maggiore.

Ho visto forassiti sparire
Nascoste da mestolate di cemento a schiaffo
Tra forati antichi
Come le mie radici di dove sono nato.

Tra l’indice e il pollice
Ansima ora la penna
E il mio destino traccia
Sui muri del grande respiro.

Porta la corrente ovunque
Con fili volanti e malcelati
Che la trama tessono
Dell’etterna storia.

Cementate le radici
Come le Orme progressive
Definiscono lo pneuma
Scolpito tra i silenzi.

__________________________

(liberamente ispirato da DIGGING di Seamus Heaney – di Angelo Mazzei, 2019)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: