IL LIBRO

Come tra guelfi e ghibellini

La poesia si stritola

Sa che vogliono entrambi sapere che cosa c’è dopo il paradiso

Sola la scrittura che sgorga da sé senza determinazioni è sacra

S’azzuffano persino i cuccioli, per gioco

Il verbo viene da sé sempre, che logos è lo stocheion.

Parola è l’origine.

È tempo di contare fino a mille prima di dire qualsiasi cosa.

“Lasciatemi andare” grida il pazzo.

“Prendetemi con voi” sussurra uno di “noi”.

Seduto in silenzio il niente tace.

Lasciamo che la poesia riprenda fiato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: